Pubblicato da Marvelous e sviluppato da HONEY∞PARADE GAMES e Tamsoft, questo gioco è disponibile dal 9 Luglio su Nintendo Switch, e noi lo abbiamo provato in anticipo per voi.

La lettura e la visione di quanto segue è consigliata ad un pubblico almeno dai 16 anni in su.

Trama

Veniamo accolti nel gioco da un prologo, tutto testuale, dove viene spiegato che, nell’arcade in cui ci troviamo, è in corso un torneo di Shinobi Fighter 5, dove 20 ragazze (provenienti dall’universo Senran Kagura), stanno gareggiando; improvvisamente, le ragazze iniziano a trasformarsi, prendendo sembianze e comportamenti animali (relativamente parlando: sono più simili a dei costumi che ad altro).

La soluzione? Inserire le ragazze nel pinball e colpirle con la pallina finché non torneranno come prima… tutto normale no?

Dopo questa introduzione piuttosto semplice parte la sigla dedicata al gioco (che corrisponde al trailer di annuncio), molto colorata e piacevole, con dei disegni davvero belli:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

La trama è tutta qui, un incipit per il gameplay; non servirà ad altro se non a permetterci di interagire con le altre ragazze, man mano che andiamo avanti coi livelli.

I dialoghi tra un livello e l’altro sono di solito in chiave comica ma piuttosto brevi: servono solo per far capire al giocatore chi dovrà salvare “a colpi di pallina da pinball”. Le ragazze sono ovviamente quelle dell’universo Senran Kagura, cosa sicuramente gradita dai fan della serie.

Il menù

Il menù ci permette di scegliere tra giocare in Storia, giocare liberamente, andare in dressing room o di esplorare il negozio e la galleria, seguiti ovviamente dalla possibilità di cambiare le opzioni. Il gioco presenta anche la modalità Diorama, famosa anche negli altri Senran Kagura, con le sue classiche funzioni.

Gameplay

Pinball

La modalità pinball ha delle regole molto semplici: l’obiettivo principale è quello di colpire la ragazza che dovremo far tornare normale con la pallina fino a caricare una barra, finché non possiamo trascinarla in un’area separata, nella modalità “Sexy Challenge”, dove dovremo colpire degli ostacoli appositi per guadagnare parecchi punti, finché questi non si scaglieranno, allo scadere del tempo, contro la ragazza, attaccando la loro “trasformazione”;

Il tutto va ripetuto più volte durante la partita finché non si arriva alla “Super Sexy Challenge”, quella finale, dove una volta colpita, la ragazza tornerà normale (e nuda, ma c’era da aspettarselo).

Gli stage saranno sempre più complessi (non particolarmente difficili), pieni di cose da fare e da colpire, compresi dei minigiochi molto apprezzati. Sono presenti nel gioco varie meccaniche che ci impediranno o aiuteranno a far in modo di non perdere la pallina, cosa che di solito sarebbe frustrante in un qualsiasi gioco “Pinball”, nel caso di un rimbalzo sfortunato che finisce inevitabilmente al centro, cadendo senza possibilità di recupero.

C’è da dire che questo titolo, anche senza le ragazze, è comunque un gioco molto divertente e godibile, grosso pregio a mio parere, senza che le “waifu” prendano la priorità sul gameplay.

C’è anche un sistema di missioni che fa guadagnare punti extra, a mio parere molto intelligente, che va a rendere più interessanti le partite.

Purtroppo la modalità storia, almeno per quanto riguarda il gioco base è molto corta: è stato infatti possibile solamente giocare 5 stage, con solo 2 mappe a disposizione, prima di arrivare ai titoli di coda, un vero peccato per quanto riguarda le potenzialità di questo gioco. Spero vivamente che il gioco riceva aggiornamenti per inserire le altre ragazze, e di conseguenza un seguito alla modalità Storia.

Shop

A fine livello, a seconda del punteggio e degli obiettivi raggiunti, si guadagnerà del denaro che sarà possibile spendere nel negozio per personalizzare l’outfit di tutte le ragazze presenti nel gioco, con l’opzionalità di mostrare questo outfit durante il gameplay stesso, o permettendo di utilizzarlo in Dressing Room.

Dressing Room

La dressing room è una specie di modalità sandbox dove potremo interagire con le ragazze accarezzandole e toccandole, cambiando il loro outfit tra quelli sbloccati/acquistati e… spruzzando loro dell’acqua. A seconda dell’affinità guadagnata interagendo con le ragazze, riceveremo delle risposte più o meno “appassionate”. De gustibus non disputandum est.

Diorama

Nulla di particolarmente diverso dai precedenti giochi del franchise Senran Kagura: come sempre c’è la possibilità di personalizzare le scene con effetti, ed ogni ragazza può avere una posa e un outfit personalizzato, un aspetto di gioco “peculiare” ma sempre ben concepito nella saga Senran Kagura; l’aliasing purtroppo si fa notare molto di più in questa modalità (come potrete vedere dallo screenshot qui sopra).

Grafica e audio

La grafica è ben fatta, con un evidente aliasing per via dell’edizione Switch ma nel complesso godibile, senza cali visibili di framerate; le ragazze sono tutte realizzate a dovere, compresa la… fisica dei corpi.

I livelli sono tutti molto suggestivi ed esteticamente appaganti, come per esempio il livello in stile orientale, per ora il mio personale preferito per via dei colori e dei minigiochi inclusi.

Le musiche sono molto carine e adatte ai livelli a cui son state dedicate.

Nulla di nota da dire riguardo gli effetti sonori e il doppiaggio, è stato fatto un buon lavoro e l’esperienza è stata “immersiva” al punto giusto.

In conclusione

Posso consigliare questo gioco a chiunque abbia voglia di rigiocare al flipper e di tornare il bambino che giocava su Windows XP a Space Cadet, ma in una chiave più erotica e simpatica. (Ovviamente non vi consiglio di giocarci sui mezzi pubblici).

Purtroppo il rapporto qualità prezzo non è dei migliori per via della relativamente bassa longevità, ma comunque c’è la possibilità di giocare più volte agli stage in Free Mode.

Nonostante la chiave erotica, come sovracitato, il gioco riesce ad essere più che valido, rendendo la parte erotica valore aggiunto, non una penalità, come nel caso di altri giochi del genere che trascurano il resto del gioco per far spazio all’erotismo.

Parlando della parte erotica, ho apprezzato la volontà di Nintendo di non censurare il gioco, nonostante sia rinomata per creare contenuti “adatti a tutte le età”, a differenza di Sony che ultimamente sta seguendo una policy piuttosto ristretta in merito, sicuramente a suo discapito.

Senran Kagura Peach Ball (Nintendo Switch)

39,99€
7.9

GAMEPLAY

9.0/10

GRAFICA

7.5/10

COMPARTO TECNICO

9.0/10

RAPPORTO QUALITÀ / PREZZO

6.0/10

Pro

  • Gameplay altamente curato
  • Livelli davvero ben pensati
  • Alta personalizzazione

Contro

  • Aliasing
  • Modalità Storia troppo corta